Alla Scoperta dell’Iran

Alla Scoperta dell’Iran. In questo nuovo post vogliamo darvi informazioni se avete deciso di organizzare un viaggio in Iran, una delle civiltà più antiche e raffinate nel mondo. L’Iran viene chiamato anche Persia, proprio come viene studiato sui libri scolastici. Inoltre, il nome Persia, restituisce a questo grande Paese: storia, cultura e tradizione.

Appena si arriva a Teheran ci si accorge che l’idea che si ha sull’Iran, paese rigidamente islamico, è completamente diversa da quello che ci si aspetta. Teheran è la capitale dell’Iran, una megalopoli considerata il punto di partenza ideale per apprezzare la modernità di un Paese affascinante come questo. Teheran si trova fra i 1100 e 1700 metri d’altezza. Teheran, caotica e complessa, è una città moderna più di quanto si pensa.

La Torre Azadi è il simbolo della rivoluzione islamica, ed è stata costruita nei primi anni ’70. Questo imponente monumento, si caratterizza per l’architettura islamica e lo stile sassanide. La torre è illuminata da colori, parole e immagini che compongono un’istallazione dovuta all’artista tedesco Philipp Geist, che s’intitola Gate of Words. Il cuore della città di Teheran si trova nell’area che comprende la grande moschea dell’Imam Khomeini, che si trova all’interno del bazar, è oggi uno dei più affollati posti di Teheran.

Il popolo iraniano appare molto gentile e accogliente oltre ogni immaginazione e, ciò è dovuto alla combinazione di diversi gruppi etnici influenzati nel corso degli anni da greci, arabi, turchi e mongoli. Quello da fare in Iran è un viaggio fra oriente e occidente, fra modernità e antiche vestigia della suggestiva civiltà persiana.

Più lontano dalla capitale, scopriamo un Iran più tradizionale. A sud di Teheran ci si inoltra in una vasta regione arida, tra i monti Zagros e il deserto del Kevir. Sulle oasi che ricoprono questa zona sono state costruite delle città, come la città di Kashan, una fra le più grandi della provincia di Isfahan. Questa splendida città sorge a 1600 metri e dista 220 km dalla cittadina di Teheran.

La città di Kashan è bella da visitare sia durante l’autunno che nel periodo primaverile. Si tratta di una città molto rinomata per i suoi pregiatissimi tappeti. Il grande bazar, che mette in esposizione tappeti, lavori in ceramica, tessuti in seta e così via, è impregnato da un profumo molto particolare, di acqua di rose, che in questa città viene prodotta in grande quantità, grazie ai meravigliosi roseti di cui dispone. Molte sono le abitazioni nella città, con le tipiche torri del vento, Bad Ghir, un tradizionale sistema di areazione e ventilazione.
L’architettura persiana si caratterizza per la semplicità monumentale delle forme e l’esuberanza delle decorazioni.

Il Patrimonio dell’UNESCO e il Giardino Persiano che comprende nove giardini in diverse province iraniane, che dimostrano la varietà di tipologie di giardino persiano, che nel tempo si sono evolute adattandosi alle molteplici condizioni climatiche, pur mantenendo le loro caratteristiche principali.

Verso sud si trova la città di Isfahan che nell’Iran centrale viene abbinata all’espressione di metà del mondo. Isfahan è una vera e propria isola di bellezza e importante città del Cinquecento, che si caratterizza per l’impronta architettonica della città di cui vanta tuttora. La piazza principale è chiamata Imam Khomeini, ed è una delle più grandi del mondo. All’interno di questa città di trova la Moschea dello Scià, che sorge sul lato sud di Piazza Naqsh-e jahan. È stata eretta a partire dal 1629 per volere dello scià Abbas I il Grande.

Un’altra importante attrattiva della città, è il Palazzo Ali Qapu che si trova sulla grande piazza, ed è stato eretto dall’inizio dell’XVI secolo. Tra le attrattive c’è anche il Chehel Sotoun, un valido esempio di giardino persiano Patrimonio Unesco.

Uno tra i ponti più famosi della città, è il Si-o-se Pol, che vuol dire Ponte dei 33 archi, ed è considerato uno dei più famosi esempi di ponti edificati dalla dinastia Safavidi all’inizio dell’XVII secolo.

Poco più a sud si trova la fantastica città di Shiraz, situata ai piedi dei monti Zagaros, sorge a circa 1500 metri di altitudine. Il clima a Shirraz è temperato subcontinentale con estati lunghe e calde e inverni miti e brevi. Moltissime sono le attrattive presenti nella città di Shiraz, come il Giardino Eram che si trova nella Casa Qavam, il Bazar Bakil, la Cittadella di Karim Khan, la Tomba di Hfez, il Bagno Bakil e la Casa Shapouri.

L’itinerario di viaggio continua alla scoperta della città di Persepoli, le cui rovine giacciono lungo la strada che dalla città di Isfahan conduce a Shiraz. Persepoli è stata una delle 5 capitali dell’Impero achemenide e la sua costruzione è iniziata intorno al 520 a.C, per volere di Dario I e si protrasse per ben 70 anni. Questo magnifico complesso, si caratterizza da palazzi, paprapetti, scalinate e pavimenti ben conservati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *